Per essere felice

Cosa intendo per “essere pimpante”

Ehi, mi sono accorta che ancora mica ho spiegato benone cosa significa per me “essere pimpante”.
Ok, faccio ora.

Intendo un po’ quello che intende il Treccani, più qualche altra cosina aggiunta da me. Ne risulta la seguente definizione:

Pimpante = Che dimostra nell’aspetto, nell’espressione e nell’atteggiamento, uno stato contagioso di allegria appariscente e vivacità saltellante, in grado di intenerire ed riempire di gioia il cuore altrui.
(Contagioso per chi lo vuole, chiaro. Mica si può obbligare nessuno. Tu lo vuoi, giusto? Spero di sì).

Chi è pimpante è come una stella: brilla. Sbrilluccica fotoni a tutto spiano. Magari non di continuo esattamente come una stella. Magari lo fa a intermittenza, ma comunque brilla, ed è una megameraviglia.
A me questa cosa piace. Piace da matti. Per questo voglio essere un esempio splenilucente di pimpantezza, e contagiare tutte le persone che mi seguono per farle sbrilluccicàr pimpanteggiàr.

E allora se non lo hai già fatto ti invito a rimanere aggiornato: clicca “Mi piace” sulla mia pagina Facebook, iscriviti alla mailing list e al mio canale YouTube.
Ciao!

2 thoughts on “Cosa intendo per “essere pimpante””

  1. Cara Bubá, quando avevo la tua età c’era un ragazzo di Milano che, non so perché, veniva a passare le vacanze estive a Cavriglia. Era simpaticissimo allegro divertente e colto. Diventammo molto amici. In quelle sere d’estate andavamo sempre in giro a divertirsi e poi finivano sempre a far discussioni pseudo filosofiche in piazza a Cavriglia prima di andare a letto. Parlavamo di musica, politica, donne ecc ecc e dei vari modi di come si poteva migliorare il mondo. Tipico di quella età. Una sera, durante una di queste discussioni, all ‘improvviso mi chiese se avessi mai pensato al suicidio. No. Non ci avevo mai pensato. Lui si almeno 2 volte seriamente… Ne discutemmo e ci pensai molto in seguito. Per lui credo sarebbe stato un gesto estremo rivoluzionario. Per dare esempio al mondo. Io invece non ho mai creduto alle rivoluzioni violente. Credo piu nella “resistenza” e nella rivoluzione del buon esempio. Per questo mi piace il tuo blog della pimpantezza! p.s. Anno scorso su facebook ho ritrovato quel lontano mio amico. Ci siamo sentiti per telefono. Mi ha raccontato do diverse difficolta che ha avuto nella vita, ma poi a 40anni si è dato l’obbiettivo di cambiare e si è imposto di fare cose che non avrebbe mai fatto.. Ha iniziato a ballare latino americano esce tutte le sere e pensa di lasciare il lavoro e aprire una scuola di ballo pimpantissimo

    1. Mi fa piacere che il tuo amico sia ancora in vita e che balli una danza pimpantissima!
      Anche tu caro. Grazie. 🙂

Comments are closed.